Vitamina D dove si trova, come funziona, gli alimenti ricchi di Vitamina D

 

La Vitamina D svolge un ruolo importante di regolatore del metabolismo del calcio. Vuol dire che aiuta questo minerale a fissarsi nelle ossa e nei denti, aumentandone resistenza e forza. A sua volta il calcio ha un ruolo fondamentale nella formazione e nella salute delle ossa, prevenendo fratture, osteoporosi e alcune malattie ulteriori dell’apparato scheletrico.

I soggetti che possono soffrire di carenza di vitamina D nonostante una dieta variegata e completa dovrebbero ricorrere all’assunzione di specifici integratori alimentari, dopo aver sentito, in proposito, il proprio medico di base. Dove si trova la vitamina D? Prova a prendere un integratore come Vitamina D3.

Si presenta sotto forma di caramella: può essere assunta ovunque e in qualsiasi momento. E contiene meno di 5 calorie!

Sapere la vitamina D dove si trova è utile perché, oltre alle funzioni già considerate, questo complesso molecolare stimola il sistema immunitario. Riduce così il rischio di infiammazioni e previene infezioni e allergie. Protegge cuore e sistema nervoso. Sono stati riscontrati anche benefici per il cervello e le funzioni cognitive a esso legate. Se la tua dieta non è sufficiente a garantirti il fabbisogno giornaliero indicato per questa componente (400 unità al giorno, in assenza di fattori di rischio o altre esigenze e problematiche da valutare con il proprio medico), prova ad assumere un integratore naturale e innovativo come Vitamina 3D. Puoi aiutarti anche con i chewing gum funzionali Mind the Gummy – Vitamina D, con 15 componenti attive e un mix vitaminico davvero efficace. Comprali subito sul nostro e-shop o su Amazon.

Dove si trova la vitamina D: vitamina D2 e vitamina D3

La Vitamina D è una vitamina liposolubile, come la A, la E e la K: ciò significa che viene accumulata, conservata nel fegato e rilasciata in piccole quantità al bisogno attraverso i grassi, ovvero sostanze lipidiche. La vitamina D2, ergocalciferolo, viene assunta con il cibo. La vitamina D3, il colecalciferolo, viene sintetizzata invece dal nostro organismo attraverso la luce solare. Dunque è importante conoscerne le fonti, alimentari e non solo. Può essere utile sapere dove si trova la vitamina D per farne il pieno e fare in modo che nel nostro organismo ci siano i giusti livelli necessari al fabbisogno giornaliero richiesto, a seconda dell’età e delle situazioni individuali.

Come funziona la vitamina D

Gran parte della vitamina D contenuta nel sangue di un individuo si forma attraverso la pelle, a partire da un grasso simile al colesterolo. Quest’ultimo viene trasformato in seguito all’esposizione ai raggi solari.

Una volta prodotta nella cute e passata nel sangue, la vitamina D viene trasportata da una proteina specifica fino al fegato e al rene. Ed è qui che viene attivata. Per capire come funziona la vitamina D e come si forma, va anche aggiunto che può essere pure assorbita a livello intestinale attraverso alcuni cibi ad hoc. Basti pensare che il 10-20 per cento del fabbisogno giornaliero di vitamina D proviene proprio dall’alimentazione.

Dove si trova la vitamina d nella frutta

Gli esperti suggeriscono di esporsi al sole – con le dovute cautele – almeno un quarto d’ora al giorno: può essere sufficiente al nostro organismo per produrre la quantità di vitamina D necessaria per il nostro benessere. Tuttavia non sempre è possibile. In concomitanza di alcune situazioni ed esigenze personali, inoltre, a volte si può riscontrare una mancanza di questa componente e occorre correre ai ripari, per esempio con una dieta adeguata. Dove si trova la vitamina D nella frutta? In realtà questa molecola è presente in pochi elementi vegetali e ancor meno nei frutti, fatta eccezione per un frutto esotico come l’avocado. Piccole quantità sono invece contenute nella salsa tahin a base di sesamo e nella crema di mandorle o, ancora, nelle mandorle secche e nei semi di girasole.

 

 

 

Dove si trova la vitamina D negli alimenti

La vitamina D si trova in quantità apprezzabili solo in alcuni alimenti. Uno dei cibi più preziosi, da questo punto di vista, è l’olio di fegato di merluzzo, dove si concentra la maggior quantità di vitamina D.

Certamente non è semplice né immediato includerlo nella propria dieta, dato che, di per sé, presenta un gusto forte e sgradevole ai più, senza considerare che è ricco anche di tanta vitamina A, dunque non bisogna abusarne. Tuttavia alcune gocce potrebbero essere spruzzate sull’insalata o aggiunte in un frullato ben più goloso. Dove si trova la vitamina D negli alimenti che consumiamo quotidianamente? In buone quantità la si può trovare in pesci grassi – meglio se pescati, e non di allevamento – come salmone e sgombro, oltre al fegato di merluzzo, ma anche nel tuorlo d’uovo e nei funghi se sono stati esposti ai raggi solari.

 

 

 

Dove si trova il calcio e la vitamina D

La vitamina D è importante, in particolare, per il sistema immunitario e la salute delle ossa, per cui è raccomandata anche dal Ministero della Salute per la prevenzione del rachitismo nei bambini e dell’osteoporosi nell’età matura. Inoltre aiuta l’organismo ad assorbire il calcio, importante sempre per la costituzione del tessuto osseo. Questo minerale si accumula nell’organismo fino ai 30 anni circa. Successivamente occorre intervenire per mantenere in salute il nostro apparato scheletrico e quello muscolare, contrastando il processo di depauperamento fisiologico. Dove si trova calcio e vitamina D, fondamentali per il nostro benessere? L’esposizione al sole risulta necessaria per entrambi, ma non solo. A tavola, via libera a latte e latticini, pesci grassi e pesce azzurro, calamari e gamberi, legumi (soprattutto ceci e fagioli), tofu, frutta secca e semi, verdure a foglia verde.

Dove si trova la vitamina d negli alimenti

Non sono moltissimi i cibi che contengono questa preziosa vitamina. Tuttavia, si può assumere la vitamina D attraverso pesci grassi e crostacei, come quelli ricordati, burro e formaggi grassi, tuorlo d’uovo e funghi (soprattutto il porcino è ricco di vitamina D), carne di fegato e i cosiddetti cibi fortificati. Per capire dove si trova la vitamina D negli alimenti che sono stati arricchiti con questa componente durante la lavorazione industriale, invece, pensa per esempio a ciò che si mette in tavola per la prima colazione o per alcune merende, come il latte vaccino, il latte di soia, certi yogurt, il succo d’arancia, i cereali e alcune farine d’avena. (immagini prima colazione/merenda, latte, yogurt, succo d’arancia, cereali e farina d’avena).

 

 

 

 

Provare per credere! Puoi acquistare MIND THE GUMMY – Vitamina D su Amazon e sul nostro e-commerce cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Continua a leggere

Menu