Vitamina B9

La vitamina B9, come tutte le vitamine del gruppo B, è idrosolubile, cioè solubile in acqua. Viene detta anche acido folico, nella forma di sintesi che viene usata come integratore, e folati per quella presente naturalmente negli alimenti. Essendo coinvolta in tutti i processi di crescita cellulare, è importante che venga assunta ogni giorno, in particolare in alcune fasi della vita: l’infanzia, l’adolescenza, in caso di ricerca di una gravidanza e durante la gestazione.

L’apporto di vitamina B9 non deve essere solamente quotidiano, ma anche sufficiente a soddisfare il fabbisogno dell’organismo.

Vitamina B9: Quali sono le principali funzioni?

La vitamina B9 svolge un ruolo fondamentale nella produzione del materiale genetico (DNA, RNA) e degli amminoacidi necessari per la crescita cellulare. È fondamentale inoltre per il buon funzionamento cerebrale e nervoso – in particolare per la sintesi di neuromediatori (messaggeri tra le cellule nervose).

E non è finita qui! È coinvolta anche nella formazione dei globuli rossi, nelle difese immunitarie, nella cicatrizzazione delle ferite e nella riduzione della formazione di omocisteina, una molecola che, se prodotta in eccesso, può portare a malattie cardiovascolari.

Vitamina B9: Dove si trova?

Piselli secchi, fagioli, lenticchie e ceci sono la miglior fonte naturale di acido folico: ne basta infatti mezza tazza per fare il pieno non solo di vitamina B9 ma anche di proteine, fibre, carboidrati complessi e ferro, con praticamente zero grassi e un basso indice glicemico. I legumi con la più elevata percentuale di folato sono:

  • lenticchie
  • ceci
  • fagioli 
  • spinaci
  • broccoli
  • asparagi

La vitamina B9 è sensibile all’ossigeno, ai raggi UV e al calore, che contribuiscono alla sua degradazione. Conservate le verdure in frigorifero per proteggere la vitamina B9 dalla luce e dal calore. Evitate le cotture prolungate in grandi quantità di acqua: la vitamina B9 è idrosolubile e il rischio è che si disperda nell’acqua di cottura. 

Da notare anche che, contrariamente ai luoghi comuni, le verdure surgelate conservano una notevole quantità di vitamina B9, grazie a un procedimento di raffreddamento molto rapido che viene effettuato entro poche ore dal raccolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Continua a leggere

Menu