Colesterolo troppo alto: cosa succede, da cosa è provocato, cosa mangiare, i grassi omega 3

 

Si sente spesso parlare di problemi di colesterolo alto, ma in pochi sanno quali sono le cause dell’aumento del colesterolo o i danni all’organismo che possono derivarne. Facciamo un po’ di chiarezza: ecco tutto ciò che devi sapere ai fini di un’adeguata prevenzione.

Quando il colesterolo è alto, cosa succede?

Il colesterolo è uno dei grassi presenti nel sangue, naturalmente prodotto dal nostro fegato, ed è indispensabile per il corretto sviluppo di cellule e tessuti. Il nostro corpo produce in autonomia circa l’80% del colesterolo, mentre la parte restante viene assunta tramite l’alimentazione. È necessario che l’equilibrio sia preservato come tale, in modo che il corpo produca una quantità sufficiente a compensare la perdita con le feci. Si tratta di un grasso molto importante per il corretto svolgimento delle nostre funzioni corporee, che diventa potenzialmente dannoso solo quando il quantitativo presente nel sangue supera la soglia dei 240 mg/dl.

Quando il colesterolo è alto, infatti, può costituire uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiache o aumentare le probabilità di infarto o ictus. Questo perché la quantità di colesterolo in eccesso va a depositarsi sulle pareti arteriose, in un processo detto aterosclerosi, che, a lungo andare, causa un ispessimento di queste ultime e può dar luogo ad ostruzioni o ad altre tipologie di malfunzionamenti dell’apparato cardiovascolare.

Si distinguono due tipologie di lipoproteine: la prima LDL – Low Density Lipoprotein, ovvero lipoproteine a bassa densità, identificate come colesterolo “cattivo” poiché provocano il deposito di colesterolo in eccesso nelle arterie; la seconda HDL – High Density Lipoprotein, che invece costituiscono la parte “buona” del colesterolo, che viene correttamente smaltito attraverso i sali biliari nel nostro fegato.

Cosa provoca il colesterolo alto

Le cause del colesterolo alto possono essere molteplici e, spesso e volentieri, sono legate allo stile di vita dell’individuo. Uno stile di vita corretto o malsano può svolgere un ruolo chiave nel prevenire o incrementare i problemi dovuti al colesterolo alto.

La primissima risposta alla domanda cosa provoca il colesterolo alto è sicuramente la cattiva alimentazione. In primis, tutti i cibi ricchi di grassi saturi (ad esempio formaggi grassi, insaccati o alcuni tipi di carne) o idrogenati (come oli, margarine oppure molti prodotti confezionati) svolgono un’azione ipercolesterolemizzante. In misura minore, anche i cibi ricchi di colesterolo (tuorlo d’uovo, alcuni formaggi o anche crostacei e molluschi) possono contribuire ad alzare il livello di colesterolo nel sangue. Tra le altre cause è bene citare anche: abitudini eccessivamente sedentarie, un consumo eccessivo di alcolici o sigarette, obesità o altri problemi di salute pregressi, come diabete, pressione alta, ipotiroidismo, problemi renali o epatici.

Diversamente da quanto molti pensano, il colesterolo alto non ha nessun tipo di sintomi: l’unico modo per tenere sotto controllo il problema è quello di sottoporsi ad esami del sangue.

Cosa mangiare con il colesterolo alto

La predisposizione genetica gioca sempre un ruolo chiave quando si parla di colesterolo alto, ma le abitudini alimentari e di vita possono giocare un ruolo di primo piano nell’arginare o nel peggiorare il problema. Normalmente, a chi è geneticamente incline viene consigliato di praticare molta attività fisica, tenere costantemente sotto controllo sovrappeso e/o altri fattori di rischio, ridurre al minimo – se non eliminare del tutto – alcool e fumo e, soprattutto, seguire un’alimentazione corretta.

La dieta mediterranea è sempre quella più consigliata da dietologi e nutrizionisti, ma nel caso specifico in cui ci si chieda cosa mangiare con il colesterolo alto, è consigliabile seguire un’alimentazione particolarmente ricca di fibre e di cibi ricchi di acidi grassi essenziali come omega 3, omega 6, omega 9. Tra questi ultimi, molti tipi di pesce (come merluzzo, trota e pesce azzurro), frutta secca di ogni tipo, semi di lino, semi di canapa, semi di zucca, semi di chia, ortaggi a foglia verde scuro (come il caolo nero), la soia, il tofu e le alghe.

Integratori alimentari: l’omega 3 non è mai stato così buono

Quando non è possibile condurre un’alimentazione impeccabile e assumere tutti i nutrienti necessari per il corretto funzionamento del nostro organismo, si ricorre spesso all’assunzione di integratori alimentari. Nel caso degli integratori a base di Omega 3, il problema principale è spesso nel suo gusto sgradevole, motivo per cui oltre il 60% delle persone a cui viene prescritto, interrompe il ciclo senza neanche aver terminato la prima confezione.

Per questo Mind The Gum ha lanciato i nuovi integratori Omega 3, con un altissimo contenuto di acidi grassi essenziali del gruppo omega e super pratici nel loro formato chewing-gum. Gli integratori Omega 3 non hanno nessun retrogusto di pesce, ma grazie al loro delizioso sapore di frutta, l’assunzione non sarà più una tortura ma un piacevole momento della giornata da goderti in serenità. Provali ora, acquistali sul nostro shop o su Amazon.

Provare per credere! Puoi acquistare MIND THE GUMMY – Omega 3 su Amazon e sul nostro e-commerce cliccando qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Continua a leggere

Menu